Studiare con le mappe concettuali

Da decenni si parla delle mappe concettuali come di uno degli strumenti migliori per la scuola, anche nell’ottica di una didattica inclusiva, che favorisca cioè contemporaneamente gli studenti più abili e quelli con qualche difficoltà.

Riprendo qui una videolezione, un po’ datata, sicuramente migliorabile, ma che guida in modo abbastanza preciso al passaggio da un testo di studio a una mappa concettuale.

Mi ripropongo, in prossimi video, di tornare sulla questione, per precisare le differenze fra mappa concettuale e mappa mentale (tale sarebbe, in effetti, l’immagine in evidenza di questo post), per chiarire le caratteristiche che rendono efficaci le mappe concettuali e, soprattutto, svolgendo alcune lezioni avvalendomi di questo strumento. Mi pare, infatti, che quasi sempre, quando si affronta tale argomento, si dimentichi che la caratteristica fondamentale della didattica attraverso le mappe concettuali sia appunto l’uso delle stesse da parte del docente durante la lezione…

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *