Il banchiere della conoscenza

sarà possibile costruire una nuova economia della conoscenza? È realistico pensare a una nuova ecologia della Cultura? Saremo capaci di una rinnovata antropologia? Saremo capaci di cambiare il nostro stile di vita?

Con la pubblicazione del mio romanzo, ho scoperto che il mio editore, Mario Guaraldi, è un visionario.  Sentite che cosa scrive, in un intervento:

Il libro continuerà necessariamente ad essere il prodotto di un pensiero complesso che abbisogna di tutto lo spazio e di tutto il tempo necessario per potersi sviluppare: ma quel “filo del discorso” potrà e dovrà di volta in volta essere tagliato e riannodato, “dis-aggregato” e “ri-aggreato” alla bisogna; quasi certamente assieme a brandelli di altri contenuti di altri autori provenienti da diversi contesti linguistici e culturali.
Il “nuovo Autore” del futuro sarà dunque una sorta di “Lettore evoluto”, soprattutto capace di redazionare una sorta di “antologia di contenuti” costruita istantaneamente a misura del proprio bisogno o del proprio gusto. Il Taglia-incolla dei nostri “pigri” liceali che dovevano compiere “ricerche” su commissione del Prof. è un modello assolutamente virtuoso, se pure mal praticato e mal gestito da insegnanti che dovrebbero invece essere “maestri” di taglia-incolla per farsi ciascuno il proprio libro di testo, anzi per montare un libro di testo a misura delle esigenze di ciascun allievo della propria classe!

Ecco, anch’io sogno di diventare un insegnante in grado di predisporre per ogni alunno un testo specifico, individualizzato, e soprattutto di insegnare ai miei alunni diventare gli autori del proprio libro di testo.

Se volete seguire interamente il ragionamento di Guaraldi, vi inserisco nella cartella “Ebook” il pdf del suo intervento al convegno “Le biblioteche di fronte alle sfide del futuro” (Lugano, 23 ottobre 2015), reso disponibile da lui stesso sul sito della casa editrice.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *