Nodi di Hartmann

Questa maledetta insonnia.

Il sonno mancato azzanna il cervello, il dolore fa pensare così forte che sembra di toccare con mano un nodo vero, sciogliendo il quale tutto il mondo, poi, scorrerebbe meglio.

Come i gatti, le donne dormono. È un segnale da non sottovalutare: serve un geobiologo in questo appartamento, ormai. I nodi di Hartmann sono pericolosi. Qualcuno di tanto in tanto ne impazzisce: si spiegano così strani delitti.

Finalmente, il sole. Posso cominciare a orientarmi: di là è il Nord, che è inizio o ripresa di ogni cosa, quindi il Sud, apportatore di energie vitali, è dall’altra parte; l’Ovest, il silenzio e il riposo, è precisamente in quella direzione; l’Est, che è luce vita e felicità, verso il letto d’ulivo.

Ora potrei dormire, ma è questo il momento propizio per scrivere, quando al centro di tutto il caos della testa si apre una calma improvvisa, come di chi viene dopo le cose e non ha più scelta.

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *