Franco Loi, Voci d'un vecchio cantare, Edizioni Il Ponte del Sale

Franco Loi: Voci d’un vecchio cantare

E’ un piacere vedere accolta nella collezione di poesie in cui apparve a suo tempo anche Terramadre l’ultimo volume di Franco Loi, «erede di Carlo Porta e Delio Tessa, […] una delle voci più limpide e autorevoli della poesia contemporanea».

Ecco due poesie estrapolate dal libro, come invito alla lettura.

 

Parlavi cunt un liber e û savü

che l’era mèi d’un òm nel so tasè,

el me vardava spers sensa cantà

e mì sentivi che l’era el so savè…

Ah lìber, duls fradèl sensa memoria,

pàrlum di òmm che t’àn tastâ nel cör,

de l’umbra del patì denter la storia,

de quèj che t’àn mai dî cume se mör.

 

Parlavo con un libro e ho saputo
che era meglio d’un uomo nel suo tacere,
mi guardava perso senza cantare
e io sentivo che era il suo sapere…
Ah, libro, dolce fratello senza memoria,
parlami degli uomini che ti hanno toccato nel cuore,
dell’ombra del patire dentro la storia,
di quelli che non t’hanno mai detto come si muore.

 

Per Antonio Stagnoli

Sé l’è el giögh? L’è libertà, amur,

gioia de vìv, stà ‘nsèma ne la vita,

dàss aj so angiul, tràss föra del dulur,

e alura dèm aj òmm sta cumparsita

de pulverina che je fa insugnà,

stu bèll brüsa de l’anfa de la vita

che cun l’amur te ciama al sumenà…

Se pensi ‘l Paradîs nient l’è pü bèll

del sant enamuràss e del giügà,

e alura, come dîl?… Squasi un barbèll

me vègn se stu a pensà al mè giügà…

e inscì me sun decìs: un bèll carèll

de palla prigioniera, un gran saltà

de corda e cun la lippa, e squasi in fund

la toppa e ‘n te-ghe-lét che fa palpà…

L’è ‘l mè regâl, el testament al mund.

Dopu tantu parlà, e cüntâv sü la storia

de l’angiul che sun stâ e vagabund,

me resta dumâ ‘l temp de cantà i gloria,

svelià l’umbra d’un Diu nel vòster piatt

e pö mis’cià la mia vostra memoria

e fâv balà fra i stell, returnà matt.

 

Che cos’è il gioco? E’ libertà, amore,
gioia di vivere, stare insieme nella vita,
darsi ognuno al proprio angelo, tirarsi fuori dal dolore,
e allora diamo agli uomini questa ballata
di polverina magica che li faccia sognare,
questo intenso bruciare l’affanno della vita
che con l’amore ti chiama al seminare…
Se ripenso il Paradiso niente è più bello
del santo innamorarsi e del giocare,
e allora, come dirlo?… Quasi un tremore
m’insorge se so a pensare al mio giocare…
e così mi sono deciso: un bel carrello
di palla prigioniera, un gran saltare
alla corda e con la lippa, e quasi in fondo
la toppa e rincorrersi e toccarsi…
E’ il mio regalo, il testamento al mondo.
Dopo tanto parlare, e raccontarvi la storia
dell’angelo che sono stato e vagabondo,
mi rimane soltanto il tempo di cantare i Gloria,
svegliare l’ombra d’un Dio nella vostra vita
e poi mescolare la vostra e la mia memoria
e farvi infine ballare fra le stelle, ritornare matto.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *