Il mago Merlino

Autodafè dello stregone

Mantengo la tradizione e pubblico una poesia che mi riguarda, inserita nella raccolta Sofegón carogna (Rovigo, Il Ponte del Sale 2011). L’autore, Maurizio Casagrande, si rivolge al sottoscritto con varie allusioni (stregone e mago rimandano ovviamente al mio vero cognome, il riferimento a Marte allude al mio libro di poesie edito da Einaudi, e così via). Non ricordo se l’accusa di aver «poco cervello» si riferisca a qualche questione particolare, ma credo che i versi che seguono mi denigrino complessivamente per il progetto dell’opera comune e, in generale, per l’avventura di Atelier.

Bujèo del strigosso

Mago maghéto
ma sensa bachéto
ma sensa capèo
e co gnà on fià de sarvèo
e co nissuna rajòn

mago smagà ca xuga a fare maghéssi
so ‘e paròe de chealtri, ca l’è bon de parate
alto on castèo dal gnente co on mucio de jente
a bateghe e man, mago dei “post”
dei “reading” dei “blog”
mago de l’o
stia

mago ca ‘l siga ai coatro cantoni
ca i pomi xe coadri e i stronsi ai xe boni
ca ‘opo s’incassa se on cristo ghe dise
“ma che l’àrbore s-ciòpa: gheto ‘iste ‘e raìse?”
mago co l’aria de èssare bon
ghe sbòro: el ga senpre rajón!
mago ca ‘l pissa so ‘i fiuri de staltri
ma guai a tocàghe el cantón del leamaro
mago busiaro ca’l vurìa ‘nare
magasso da grando
porasso!

Mago de ‘e carte
ca viaja pa’ Marte
ca ‘e s-ciòca fà raudi
sa a torciàle xe ‘inaudi
Mago de on liògo
in tra mexo ‘na ‘inea
ca drita no a sta
e nissuni ca sapia inove ca a va
canpion de cal xugo
ca i fa co ‘e tre carte
ma ‘tento, putèo
ca xe soeo pa’ ciavàte!

Mago maghéto
t’àeo piasso el xughéto?

 

Autodafè dello stregone

Mago maghetto
ma senza bacchetta
ma senza cappello
e con poco cervello
con scarse ragioni

mago smaliziato che gioca a fare incantesimi
sulle parole altrui, mago che alza
un castello dal nulla con un sacco di gente
ad applaudirlo mago dei “post”
dei “reading” del “blog”
mago dell’o
stia

mago che grida ai quattro venti
che le mele sono quadrate e gli stronzi appetitosi
che s’adonta se un povero diavolo gli fa notare:
“quell’albero sta morendo: hai osservato le radici?”
mago che ha fama di essere buono
e lo credo: c’ha sempre ragione!
mago che piscia sui fiori del vicino
ma guai se lo pungi sul vivo
mago fasullo che aspira a diventare
qualcuno da grande
povero illuso!

Mago di carte
dirette su Marte
che strepitano come mortaretti
se le maneggia l’Einaudi
Mago di un luogo
tracciato lungo una linea
che diritta non vuol stare
e manco si sa dove porti
maestro nel gioco
delle tre carte
ma fa’ attenzione, ragazzino
è soltanto per sottrarti qualcosa!

Mago maghetto
hai gradito il giochetto?

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *