Scrivere, come pregare

Abitudine e ispirazione

Scrivere tutti i giorni, o quasi. Forzare l’attesa con l’abitudine. Come abitare un rito.

Come pregare senza fede.

Occorre dunque diffidare dell’intuizione, del suo sguardo di Medusa. Occorre accettare l’imperfezione, dal momento che non si è mai pronti, non si è mai abbastanza degni dell’ispirazione.

Questo è l’abito da indossare.

E la conseguenza è ovvia: confidare nella capacità di scelta, perché rimanga visibile, alla fine, solo quel che deve.

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *