Articoli

Donna Prassede e don Ferrante, di Giorgio Scarpati – 1908-1987

I promessi sposi: capitolo XXVII (lettura)

Stiamo apparecchiando il gran finale, nella nostra lettura del capolavoro manzoniano. Il rallentamento di questi capitoli, che indugiano sul contesto generale, sono come il caricarsi per una rincorsa esplosiva.

Nel capitolo ventisettesimo il rollìo della Storia si fa dunque più forte e anche Renzo ne fa parte, in quanto latitante. Ma ciò che conta qui è vedere come i due promessi, protagonisti dell’altra storia, con la la “s” minuscola, siano invitati a “mettersi il cuore in pace”: da una parte Renzo, messo al corrente da Agnese (con la quale riesce a imbastire una corrispondenza epistolare) del voto di Lucia, dall’altra la stessa Lucia, rintuzzata nel suo proposito da donna Prassede. Ciò, ovviamente, non fa che aumentare la tensione, nell’esile filo che ancora li lega. Continua a leggere

Ritratto di Federico Borromeo (1564-1631), di Giulio Cesare Procaccini

I promessi sposi: capitolo XXVI (lettura)

Continua, nel capitolo ventiseiesimo dei Promessi sposi, il serrato confronto fra don Abbondio e il cardinal Federigo: i due temperamenti religiosi si manifestano pienamente.

Ma non si creda che questo momento di distensione della storia (a seguito della liberazione di Lucia, ora sotto il manto protettivo di donna Prassede) coincida con un riavvicinamento dei due promessi, anzi: Lucia confida alla madre il proprio voto, e Renzo è latitante e cerca di far perdere le sue tracce, cambiando anche nome.

La situazione insomma è congelata: siamo nel pieno di una tregua e il vuoto ci sorprende, come fosse il preludio di una nuova tempesta in arrivo… Continua a leggere

Il cardinale a casa di don Abbondio, di Giorgio Scarpati

I promessi sposi: capitolo XXV (lettura)

Questa volta è don Rodrigo a fuggire a Milano, dopo la beffa della conversione dell’Innominato e il mormorio sul suo conto in paese. Il cardinale Federigo intanto vigila ed estende la sua protezione su Lucia, anche con l’aiuto di due nuovi, devoti eppur bizzarri personaggi di alto rango.

Ma le scintille nasceranno dall’accostamento di due figure così distanti, sebbene legate dalla comune vocazione: don Abbondio e il medesimo cardinal Federigo… Continua a leggere

Liberazione di Lucia, di Giorgio Scarpati

I promessi sposi: capitolo XXIV (lettura)

Con la liberazione di Lucia, all’improvviso tutto è mutato. Il nemico è diventato il salvatore e la schiera dei malvagi perde il suo principale campione. Un miracolo, avvenuto però con naturalezza. Il mondo però si stupisce e Lucia stessa non potrà che sentirsi veramente “miracolata”, per cui rinsalderà con determinazione il proprio voto.

I due promessi sembrano ormai separati definitivamente, ma almeno Lucia è in salvo…

In tutto questo stravolgimento, però, don Abbondio resta titubante: ma siamo veramente sicuri che il Malvagio sia ora il Pentito? Può, un uomo, mutare la propria indole? Continua a leggere

L'innominato e il cardinale Federigo Borromeo, dipinto di Alessandro Guardassoni, 1860

I promessi sposi: capitolo XXIII (lettura)

Conversione = “Rivolgimento, movimento di un corpo nello spazio intorno a un altro corpo…”. Ecco, con il capitolo ventitreesimo dei Promessi sposi la storia ha un moto rivoluzionario. E tutto si concretizza attraverso un incontro.

I due giganti, l’uomo del Bene e l’uomo del Male, si troveranno faccia a faccia. Sembra la situazione più inverosimile e romanzesca, ma nasce da un fatto storico, incredibilmente. Ed è la svolta, la conversione.

Mai una trama tanto semplice sarà avvincente, e non priva di colpi di scena e di cambi di tono, con un l’ingresso di un terzo incomodo…

Continua a leggere

Pittore lombardo, Pellegrinaggio del cardinale Federico Borromeo al Sacro Monte di Varese

I promessi sposi: capitolo XXII (lettura)

Giunti al capitolo 22 dei Promessi sposi, nel bel mezzo di un colpo di scena pazzesco (il terribile Innominato vuol far visita al cardinale Federigo Borromeo), Manzoni si concede un serissimo, supremo movimento di ironia:

A questo punto della nostra storia, noi non possiam far a meno di non fermarci qualche poco, come il viandante, stracco e tristo da un lungo camminare per un terreno arido e salvatico, si trattiene e perde un po’ di tempo all’ombra d’un bell’albero, sull’erba, vicino a una fonte d’acqua viva. Ci siamo abbattuti in un personaggio, il nome e la memoria del quale, affacciandosi, in qualunque tempo alla mente, la ricreano con una placida commozione di riverenza, e con un senso giocondo di simpatia: ora, quanto più dopo tante immagini di dolore, dopo la contemplazione d’una moltiplice e fastidiosa perversità! Continua a leggere

L'innominato, tela di Andrea Gastaldi

I promessi sposi: capitolo XXI (lettura)

Eccoci, con il ventunesimo capitolo dei Promessi sposi, alla sospensione estrema, che prelude alla svolta. Tutto ora può davvero accadere.

Sui nostri personaggi, su Lucia e sul terribile signore che la tiene prigioniera, l’innominato, cala la grande notte. E in questa notte Lucia farà voto di rinunciare per sempre a Renzo.

Ma è anche la Notte di Dio, che in qualche modo, nella sua assenza, nel suo tirarsi fuori dall’umano, si fa presente.

Continua a leggere

Il castello dell'innominato

I promessi sposi: capitolo XX (lettura)

Siamo negli snodi centrali dell’intera vicenda.

Con il capitolo ventesimo il romanzo assume le tonalità cupe del racconto gotico. Anche per questo fu particolarmente apprezzato da Edgar Allan Poe.

A metà della vicenda, tocchiamo il momento più drammatico: mai come ora i due promessi saranno tanto distanti… Continua a leggere

Illustrazione di Federico Maggioni

I promessi sposi: capitolo XIX (lettura)

Proseguiamo nell’impresa della lettura dei Promessi sposi, in attesa di tempi propizi per recuperare nella pubblicazione dei commenti. Siamo giunti al capitolo diciannovesimo.

Lucia è sola, il cugino Attilio è intervenuto per sbarazzarsi di padre Cristoforo, Renzo è lontano e ricercato: è il momento, per don Rodrigo, di compiere il grande passo e di rivolgersi all’Innominato…

Continua a leggere

Agnese e fra Galdino

I promessi sposi: capitolo XVIII (lettura)

Lucia e Agnese sanno del mandato di cattura nei confronti di Renzo, ma vengono a sapere anche che al momento è in salvo nel bergamasco.

Dovrebbero preoccuparsi di loro stesse, piuttosto: don Rodrigo ha scoperto dove si trovano, e Lucia rimarrà addirittura sola, perché la madre rientra in cerca di notizie.

Come non bastasse, il conte Attilio si è occupato di fra Cristoforo… Continua a leggere