Articoli

Pittore lombardo, Pellegrinaggio del cardinale Federico Borromeo al Sacro Monte di Varese

I promessi sposi: capitolo XXII (lettura)

Giunti al capitolo 22 dei Promessi sposi, nel bel mezzo di un colpo di scena pazzesco (il terribile Innominato vuol far visita al cardinale Federigo Borromeo), Manzoni si concede un serissimo, supremo movimento di ironia:

A questo punto della nostra storia, noi non possiam far a meno di non fermarci qualche poco, come il viandante, stracco e tristo da un lungo camminare per un terreno arido e salvatico, si trattiene e perde un po’ di tempo all’ombra d’un bell’albero, sull’erba, vicino a una fonte d’acqua viva. Ci siamo abbattuti in un personaggio, il nome e la memoria del quale, affacciandosi, in qualunque tempo alla mente, la ricreano con una placida commozione di riverenza, e con un senso giocondo di simpatia: ora, quanto più dopo tante immagini di dolore, dopo la contemplazione d’una moltiplice e fastidiosa perversità! Continua a leggere

L'innominato, tela di Andrea Gastaldi

I promessi sposi: capitolo XXI (lettura)

Eccoci, con il ventunesimo capitolo dei Promessi sposi, alla sospensione estrema, che prelude alla svolta. Tutto ora può davvero accadere.

Sui nostri personaggi, su Lucia e sul terribile signore che la tiene prigioniera, l’innominato, cala la grande notte. E in questa notte Lucia farà voto di rinunciare per sempre a Renzo.

Ma è anche la Notte di Dio, che in qualche modo, nella sua assenza, nel suo tirarsi fuori dall’umano, si fa presente.

Continua a leggere

Il castello dell'innominato

I promessi sposi: capitolo XX (lettura)

Siamo negli snodi centrali dell’intera vicenda.

Con il capitolo ventesimo il romanzo assume le tonalità cupe del racconto gotico. Anche per questo fu particolarmente apprezzato da Edgar Allan Poe.

A metà della vicenda, tocchiamo il momento più drammatico: mai come ora i due promessi saranno tanto distanti… Continua a leggere

Illustrazione di Federico Maggioni

I promessi sposi: capitolo XIX (lettura)

Proseguiamo nell’impresa della lettura dei Promessi sposi, in attesa di tempi propizi per recuperare nella pubblicazione dei commenti. Siamo giunti al capitolo diciannovesimo.

Lucia è sola, il cugino Attilio è intervenuto per sbarazzarsi di padre Cristoforo, Renzo è lontano e ricercato: è il momento, per don Rodrigo, di compiere il grande passo e di rivolgersi all’Innominato…

Continua a leggere

Agnese e fra Galdino

I promessi sposi: capitolo XVIII (lettura)

Lucia e Agnese sanno del mandato di cattura nei confronti di Renzo, ma vengono a sapere anche che al momento è in salvo nel bergamasco.

Dovrebbero preoccuparsi di loro stesse, piuttosto: don Rodrigo ha scoperto dove si trovano, e Lucia rimarrà addirittura sola, perché la madre rientra in cerca di notizie.

Come non bastasse, il conte Attilio si è occupato di fra Cristoforo… Continua a leggere

Tigri

Nella casa di carte di Marchesini

Per ragioni su cui mi sono già soffermato troppo, non seguo più, da tempo, la critica letteraria – un genere che peraltro ha trovato nuovi sviluppi e diramazioni, se si pensa alla sua contaminazione con il romanzo (su tutti, si studi il caso di Emanuele Trevi). Ciò non toglie, comunque, che di tanto in tanto i miei radar intercettino qualcosa che mi sembra prezioso, come mi è capitato anche recentemente.

Così ora ho tra le mani un libro che mi accompagnerà nei prossimi anni. Si tratta di Casa di carte, di Matteo Marchesini. Il libro peraltro ha alle spalle una sintomatica vicenda editoriale, ma non è di questo che vorrei parlare. Così come non è mia intenzione recensire questo testo, che ho al momento attraversato solo parzialmente e che mi sarà utile, come accennavo, per un mio percorso. Mi interessa semplicemente segnalarvi i due punti che – a prescindere dai contenuti con cui potrei concordare poco, tanto o parzialmente -, attribuiscono a questo libro, dal mio punto di vista, un valore immediato.

Continua a leggere

Passagguo dell'Adda, di Giorgio Scarpati

I promessi sposi: capitolo XVII (lettura)

Lettura integrale del capitolo diciassettesimo dei Promessi sposi.

Qui Renzo riesce a raggiungere l’Adda e attraversare il confine. Nel bergamasco il cugino Bortolo lo accoglierà.

Ma la notte che deve superare segnerà una svolta definitiva nella sua vita Continua a leggere

Scena di taverna, di David Teniers il Giovane (1610-1690)

I promessi sposi: capitolo XVI (lettura)

Nel sedicesimo capitolo dei Promessi sposi, Renzo scappa da Milano: è ormai un ricercato.

Il suo obiettivo al momento è raggiungere, senza più tradirsi, la repubblica di Venezia: a Bergamo potrà contare sull’aiuto del cugino. In una sosta a Gorgonzola, in un’osteria, raccoglierà informazioni davvero preoccupanti. Continua a leggere

Il sonno di Renzo

I promessi sposi: capitolo XV (lettura)

Eccoci al quindicesimo capitolo dei Promessi sposi.

Renzo, per quanto innocente, finisce nelle mani della giustizia come pericoloso sobillatore. Dimostrerà tuttavia di aver appreso la lezione del giorno precedente, tant’è vero che sfrutterà il contesto a proprio vantaggio. La traiettoria della sua avventura, però, si discosterà ulteriormente da quella di Lucia… Continua a leggere

catalogo

Antologie dell’ultimo Novecento (di Valentino Fossati)

Ieri mi è capitato a scuola, durante una lezione facoltativa pomeridiana, in cui tentavo di fornire agli studenti una visione d’insieme del Novecento letterario, di far riferimento alle molte antologie che attraversano e modellano il secolo. Quasi ogni decennio è stato segnato da importanti riflessioni che hanno condotto alla compilazione di repertori: pensiamo per esempio a Poeti d’oggi di Papini e Pancrazi (1920), a Scrittori nuovi di Falqui e Vittorini (1930), Lirica del Novecento di Anceschi e Antonielli (1953), a Poesia del Novecento di Sanguineti (1969) e ai Poeti italiani del Novecento di Mengaldo (1978). Continua a leggere